POGGETTI VECCHI (ProprietÓ Ceccarelli)    Comune di Grosseto

Viene scavata dapprima sotto la direzione della D.ssa Gabriella Poggesi della SBAT per un mese dal gruppo di Carlo Cavanna (Soc. Nat. Speleol. Maremmana). Vengono recuperati tutti i reperti giacenti nei cumuli di terra già scavato e portato nei campi adiacenti. Nell'area di scavo vengono ripulite le superfici e individuate le numerose ossa di elefante e realizzata la quadrettatura e i livelli e il disegno totale tramite foto fatte dall'alto.

Dopo la segnalazione di Cavanna sulla presenza di industria litica (primi 12 reperti) viene richiesta la presenza di archeologi professionisti (Giuditta Grandinetti e Floriano Cavanna) che proseguiranno le ricerche sotto la direzione della D.ssa Biancamaria Aranguren della SBAT.

Purtroppo molti dei reperti rinvenuti durante la fase di scavo di Cavanna, regolarmente posizionati, fotografati e imbustati, sono stati snobbati come inesistenti da parte della Aranguren. Fra questi semi di vegetali, reperti malacologici, ostracodi e un frammento di pelle probabilmente di antico mammifero. Per iniziare a recuperare anche i legni (bastoni) sono passate alcune settimane di discussioni perchè venivano interpretati dalla dottoressa erroneamente come radici di alberi.

 

 

25 gennaio - Cavanna identifica per primo
come "molare di elefante"
qualcosa estratto dallo scavatore.

Lo scavatore in funzione

Momenti della ripulitura

Momenti della quadrettatura e messa a livello

Cavanna disegna una mappatura

Ancora molari di elefante sommersi

Un esempio di rilievo dei reperti

Un palco di cervo

Un team cerca di recuperare una lunga zanna

Il team cerca di recuperare una lunga zanna

Realizzazione del calco di un paleosuolo

Una delle grandi zanne

Frammenti ossei e bastoni di legno

Una seconda grande zanna
 

 TORNA ARCHEOLOGIA IN MAREMMA